English [en]   Deutsch [de]   français [fr]   italiano [it]   മലയാളം [ml]   Nederlands [nl]   polski [pl]   português do Brasil [pt-br]   русский [ru]   українська [uk]  

BECOME A MEMBER

Together we have the opportunity to empower the world through the use of free software. The only way to counter proprietary software companies and the billions of dollars they use to strip user rights is through the power of your voice and your generosity.

47 Joined
600 New Members

Questa è la traduzione di una pagina scritta originariamente in lingua inglese.

FLOSS e FOSS

di Richard Stallman

Le due fazioni politiche nella comunità del software libero sono rappresentate dal movimento del software libero e da quello dell'open source. Il movimento del software libero ha come obiettivo la libertà degli utenti informatici e ritiene che un programma non libero costituisca un'ingiustizia nei confronti dei suoi utenti. Il movimento open source, invece, non considera l'esistenza di programmi non liberi come ingiustizia verso gli utenti, credendo si tratti esclusivamente di vantaggi o svantaggi di tipo pratico.

In inglese, per enfatizzare che “free software” fa riferimento non al prezzo ma alla libertà, a volte scriviamo o diciamo “free (libre) software”, aggiungendo il termine francese o spagnolo “libre” per specificare che “free” si riferisce alla libertà. In alcuni contesti è sufficiente usare “libre software”. [NdT: in inglese "free" significa sia "libero" che "gratuito"; in italiano il problema non esiste e si parla sempre di "software libero"].

Un ricercatore attivo nello studio di pratiche e metodi usati dagli sviluppatori della comunità del software libero ha deciso che tali questioni erano indipendenti dalle opinioni politiche degli sviluppatori, e perciò ha coniato il termine “FLOSS,”, acronimo di “Free/Libre and Open Source Software,” (software libero ed open source), per evitare di esprimere una preferenza tra le due fazioni. Questo è un buon modo per esprimersi in maniera neutrale, in quanto assegna ad entrambe le fazioni eguale rilievo.

Altri usano il termine “FOSS”, acronimo di “Free and Open Source Software”. Questa forma [NdT: solo in inglese; la traduzione italiana "software libero e open source" non è ambigua] omette di spiegare come “free” faccia riferimento alla libertà. Rende anche “free software” meno visibile di “open source”, visto che a differenza di “free software” che viene diviso, “open source” viene scritto per intero.

Anche parlare di “software libero e open source” può creare confusione, perché potrebbe dare l'impressione che “libero e open source” siano lo stesso punto di vista e non due punti di vista diversi. Il rischio è che non si metta adeguatamente in evidenza che, dal punto di vista politico, il software libero e l'open source sono posizioni diverse e non conciliabili fra loro.

Se si vuole quindi essere neutrali e chiari nella scelta tra software libero ed open source, il modo giusto per farlo è dire “FLOSS” e non “FOSS”.

Noi del movimento del software libero non usiamo né l'uno né l'altro termine, visto che noi non vogliamo essere neutrali sulla questione politica. Noi siamo a sostegno della libertà e lo mostriamo in continuazione dicendo in inglese sia “free” che “libre” ed in italiano “libero”.

TORNA IN CIMA

[Logo FSF] “La Free Software Foundation (FSF) è una fondazione che ha come scopo la promozione su scala mondiale della libertà degli utenti di computer. Difendiamo i diritti di tutti gli utenti di sofware.”

ASSOCIARSI ACQUISTARE