English [en]   Deutsch [de]   español [es]   français [fr]   hrvatski [hr]   italiano [it]   日本語 [ja]   한국어 [ko]   Nederlands [nl]   polski [pl]   русский [ru]  

Questa è la traduzione di una pagina scritta originariamente in lingua inglese.

Libertà o copyright? (Vecchia Versione)

È disponibile una versione aggiornata di questo articolo.

di Richard M. Stallman

Il mondo nuovo degli e-books: addio ai negozi di libri usati, ai prestiti agli amici, ai prestiti dalle biblioteche, alla possibilità di acquistare libri senza una carta di credito che identifica cosa si legge. Persino leggere un e-book senza autorizzazione è un crimine.

Un tempo, nell'era della carta stampata, venne stabilita una regolamentazione industriale per il mondo della scrittura e dell'editoria. Venne chiamata copyright. Lo scopo del copyright era quello di incoraggiare la pubblicazione di diverse opere scritte. Il copyright consentiva agli editori di ottenere dagli autori il permesso di ristampare i loro lavori recenti.

I semplici lettori avevano pochi motivi per disapprovare, dato che il copyright imponeva restrizioni solo nella pubblicazione delle opere, non nell'uso che questi ne facevano. Che ciò aumentasse un po' il prezzo dei libri, era questione di solo denaro; il copyright, come era inteso, forniva un beneficio generale, gravando solo un po' sulla collettività. Assolveva bene il suo compito a quei tempi.

In seguito, si sviluppò un nuovo modo per diffondere le informazioni: i computer e le reti. Il vantaggio della tecnologia dell'informazione digitale sta nel fatto che questa facilita la copia e la manipolazione delle informazioni, inclusi software, registrazioni musicali e libri. Le reti, d'altro canto, offrivano la possibilità di accesso illimitato ad ogni tipo di dati - un'utopia dell'informazione.

Ma si trovò un ostacolo: il copyright. I lettori che facevano uso dei loro computer per condividere le informazioni erano tecnicamente dei contravventori del copyright. Il mondo era cambiato e quella che in passato era una regolamentazione industriale sull'editoria divenne una restrizione nei confronti della collettività che invece avrebbe dovuto favorire.

In un paese democratico, una legge che proibisca un'attività comune, naturale ed utile verrebbe presto abolita, ma la potente lobby degli editori era determinata ad impedire che la collettività traesse vantaggio dal potere dei propri computer, così fece del copyright la propria arma. Sotto la sua influenza i governi, invece di allentare la morsa del copyright per adattarsi alle nuove circostanze, lo inasprirono più che mai, imponendo pene severe ai lettori sorpresi a condividere informazioni.

Ma non è tutto. I computer possono essere potenti strumenti di dominazione se poche persone controllano quello che altri fanno con i loro computer. Gli editori si accorsero che, imponendo alla gente di usare programmi realizzati specificatamente per leggere libri elettronici, avrebbero guadagnato un potere mai avuto: avrebbero potuto costringere i lettori a pagare per leggere, identificandoli ad ogni lettura.

Questo era il sogno degli editori che sono riusciti a convincere il governo americano a varare il Digital Millennium Copyright Act del 1998. Questa legge dà loro il potere legale totale su quasi tutto ciò che un lettore può fare con un libro elettronico, fintantochè pubblicano il libro in forma cifrata. Persino leggerlo senza autorizzazione è un crimine.

Abbiamo ancora le stesse vecchie libertà nell'uso dei libri stampati, ma se i libri elettronici li rimpiazzeranno, questa eccezione non porterà un gran beneficio. Con l'"inchiostro elettronico", che consente di scaricare nuovi testi in un pezzo di carta apparentemente stampato, anche i giornali potrebbero divenire effimeri. Si immagini: niente più negozi di libri usati, niente più libri in prestito agli amici, niente più biblioteche pubbliche da cui da cui prenderli - ovvero niente più "falle" che potrebbero consentire a qualcuno di leggere un libro senza pagare (e, giudicando dalla pubblicità di Microsoft Reader, non sarà più possibile acquistare i libri anonimamente). Questo è il mondo che gli editori hanno in mente per noi.

Perché c'è così poca discussione circa questi cambiamenti? La gran parte dei cittadini non ha ancora avuto occasione di compendere le questioni politiche sollevate da questa tecnologia futuristica. D'altro canto, alla collettività è stato insegnato che il copyright esiste per "proteggere" i suoi possessori, con l'implicazione che l'interesse pubblico non ha importanza. Anche il termine di parte “proprietà intellettuale” promuove quel punto di vista; in aggiunta, incoraggia a perpetrare l'errore di trattare leggi che hanno poco in comune, ad esempio le leggi sul copyright e quelle sui brevetti, come se fossero una singola questione.

Quando la gente comincerà ad usare massicciamente i libri elettronici e scoprirà il regime che gli editori hanno preparato, allora comincerà la resistenza. L'umanità non accetterà questo giogo in eterno.

Gli editori vogliono farci credere che un copyright così opprimente sia l'unico sistema per proteggere l'arte, ma non c'è bisogno di una guerra alla copia per incoraggiare la pubblicazione di diverse nuove opere; come i Grateful Dead hanno dimostrato, la copia privata tra i propri sostenitori non è necessariamente un problema per gli artisti. Nel 2007, i Radiohead hanno guadagnato milioni di dollari invitando i propri fan a pagare un prezzo a piacere per scaricare il loro album; qualche anno prima, Stephen King ha guadagnato centinaia di migliaia di dollari per un e-book liberamente condivisibile. Legalizzando la copia dei libri elettronici tra amici, si può far tornare il copyright alla forma di regolamentazione industriale che era una volta.

Per certi tipi di scritti, dobbiamo anche andare oltre. Per articoli di ricerca e monografie, ognuno deve essere incoraggiato a ripubblicarne copie letterali su internet; questo aiuterebbe a proteggere le reputazione degli studiosi rendendo le opere allo stesso tempo più accessibili. Per i libri di testo e le opere di consultazione, la pubblicazione di versioni modificate deve essere altrettanto incoraggiata poiché favorirebbe il miglioramento.

Alla fine, quando le reti informatiche forniranno un modo semplice per inviare piccole somme di denaro, spariranno tutte le argomentazioni a favore della restrizione delle copie letterali. Se un libro piace e compare sul nostro schermo una finestrella che dice: "Premere qui per spedire un dollaro all'autore", non ci premeremo sopra? Il copyright per i libri e la musica, poiché si tratta di distribuzione di copie letterali, diventerà interamente obsoleto. E non sarà mai abbastanza presto!

[Logo FSF]“La nostra missione è preservare, proteggere e promuovere la libertà di usare, studiare, copiare, modificare e ridistribuire il software per computer, e difendere i diritti degli utenti di software libero.”

La Free Software Foundation è lo sponsor principale del Sistema operativo GNU. Potete sostenere GNU e la FSF comprando manuali e gadget, diventando membri associati della FSF oppure facendo una donazione diretta o via Flattr.

inizio pagina